top of page

ASSOCIAZIONE CULTURALE E GALLERIA D'ARTE CONTEMPORANEA

ARCANGELO SASSOLINO

IL VUOTO SENZA MISURA

Da sabato 21 maggio fino a domenica 24 luglio gli spazi di Atipografia ospitano la mostra personale di Arcangelo Sassolino Il vuoto senza misura.

 

Il progetto di Arcangelo Sassolino è uno straordinario spettacolo visivo, sensoriale e filosofico, capace di coinvolgere il visitatore che finisce per sentirsi protagonista oltre che spettatore. Come scrive Ilaria Bernardi nel catalogo: «Le sue opere non sono separate dal mondo, non costituiscono mondi altri, non sono immagini né finzioni, ma veri e propri processi di realtà. L’artista, per Sassolino, è soltanto un “maestro di scena”».


L'accensione dell'opera "Il vuoto senza misura" è prevista dal martedì al venerdì, una volta al giorno, alle ore 18.30 per la durata di circa 2 minuti.

Il sabato alle ore 12.00 e alle ore 18.30.

In caso di maltempo l'opera non verrà azionata.

L'ingresso alla mostra è gratuito e non è necessaria la prenotazione.

UNPLUGGED

MIRKO BARICCHI, MATS BERGQUIST, MATTIA BOSCO, GREGORIO BOTTA

Da sabato 17 settembre a domenica 30 ottobre gli spazi di Atipografia ospitano la mostra collettiva UNPLUGGED che vede esposte le opere degli artisti Mirko Baricchi, Mats Bergquist, Mattia Bosco e Gregorio Botta.

UNPLUGGED è l’esito di un incontro durato tre giorni tra gli artisti coinvolti nel progetto e rappresentati dalla galleria, durante il quale hanno condiviso spunti e idee sul rapporto tra il loro lavoro e la contemporaneità. 

I lavori nati dalle riflessioni comuni e dal dialogo sono pensati e realizzati per essere vissuti senza filtri e senza mediazioni. UNPLUGGED è una mostra disegnata senza la presenza di un curatore per promuovere la relazione concreta tra artista e artista, tra opera e spazio, e favorire un esito finale in cui il rapporto diretto fra le opere e i visitatori mira ad abbattere ogni possibile barriera tanto sul piano fisico quanto su quello concettuale. Le opere d’arte non sono intese come oggetti ma come presenze in grado di pervadere chi la abita.

Sabato 17 settembre alle ore 18.00 la Direttrice di Atipografia Elena Dal Molin e gli artisti presenteranno la mostra al pubblico.

L'ingresso alla mostra è gratuito e non è necessaria la prenotazione.

DENIS RIVA

LIMBO INCERTO

Da sabato 26/11 a sabato 24/12/2022 gli spazi di Atipografia ospitano la mostra personale di Denis Riva dal titolo Limbo Incerto.

L’artista mette in scena ad Atipografia frammenti dell’animo umano, formule di pathos che l’uomo ha sempre sperimentato nel corso della storia e con le quali si è sempre dovuto rapportare – paura, solitudine, abitudine – che vengono impersonati dalla figura umana stessa.

Denis Riva tratta lo spazio della galleria come fosse una grande tela e propone nella sala principale un’imponente installazione inedita formata da un gruppo di sagome dipinte su legno che si relazionano l’una all’altra. Sono figure fluide, indefinite, che sembrano essersi staccate da un disegno su carta per acquisire tridimensionalità. È questa l’opera che dà il titolo alla mostra: un fregio di circa venti metri che accompagna il visitatore in un racconto dal ritmo serrato.

Sabato 26 novembre 2022 alle ore 18.30 sarà presentata la mostra con la presenza dell’artista

 

L'ingresso alla mostra è gratuito e non è necessaria la prenotazione

MARCELLO FOA presenta

Il Sistema (in)visibile. Perché non siamo più padroni del nostro destino

In dialogo con il giornalista Marco Ghiotto

Venerdì 27 gennaio 2023 alle ore 19.30 Marcello Foa, in dialogo con il giornalista Marco Ghiotto, presenterà il suo ultimo libro Il Sistema (in)visibile. Perché non siamo più padroni del nostro destino edito da Guerini e Associati.

 

Il saggio di Foa, uscito lo scorso autunno, ha avuto grande successo ed è giunto già alla terza ristampa. Il sistema (in)visibile spiega le logiche e i condizionamenti che scolpiscono la nostra società nell’era della globalizzazione, dimostrando come oggi sia possibile modellare le masse, cambiare i valori, orientare la politica, l’economia, i media, anche avvalendosi delle tecniche di condizionamento psicologico elaborate dalla Cia e dal Kgb durante la Guerra Fredda.

Il saggio è di straordinaria attualità, alla luce dei più recenti avvenimenti, e offre ampi spunti di riflessione sulla qualità della democrazia e sulle libertà del cittadino.

 

MARCELLO FOA è giornalista, insegna comunicazione all’Università Cattolica di Milano e all’Università della Svizzera italiana di Lugano. Formatosi alla scuola di Indro Montanelli a il Giornale, è stato Presidente della Rai dal 2018 al 2021 dopo aver diretto per sette anni il Gruppo Corriere del Ticino. Torna alla saggistica dopo il grande successo di due saggi sulla manipolazione mediatica, entrambi pubblicati con le Edizioni Guerini.

 

MARCO GHIOTTO è scrittore, direttore del magazine ViCult, consulente culturale e musicologo.

Sarà possibile acquistare il libro in galleria

 

L'ingresso è gratuito, si consiglia la prenotazione all'indirizzo: info@atipografia.it

STEFANO MARIO ZATTI

LA FORMA DELLE PAROLE

A cura di Robert Phillips e Matilde Nuzzo

Da sabato 21/01 a domenica 26/02/2023 gli spazi di Atipografia ospitano la mostra personale di Stefano Mario Zatti dal titolo La forma delle parole.

La mostra è nata dal confronto tra le varie sensibilità delle persone che accompagnano l’artista nel suo percorso. Nel lavoro di Zatti, in cui spesso la parola scritta  è motivo sigla del suo rappresentare, esiste un narrato sul fondo di ogni opera, una sorta di bolla latente, che esprime con la scrittura ogni aspetto delle sue opere. Questa forma di enciclopedia personale, è uno strumento di rappresentazione del verosimile, una sorta di illusione consapevole legata alle suggestioni quotidiane dei concetti alla base dell’elaborazione estetica dell’artista. Le sue parole sono ombre che occupano piccoli ritagli all’interno di uno spazio assoluto collocati in contesti volutamente silenti e, a tratti, inquieti e oscuri.

In occasione della mostra sarà presentato un catalogo scritto pensato e redatto in forma di colloquio a più voci tra l’artista, Elena Dal Molin e i curatori dell’esposizione. Lo scritto racconta in forma poetica ma anche critica, le complesse interazioni, e mostra frammenti di memorie che riaffiorano, luoghi dimenticati, ricordi lontani che sono restituiti al lettore come metafore di un percorso difficilmente raccontabile con altri mezzi.

Sabato 21 gennaio 2023 alle ore 18.30 l'artista, assieme ai curatori presenteranno la mostra.

L'ingresso è gratuito e non è necessaria la prenotazione.

bottom of page